Quante volte nella vita ci è capitato di fare delle scelte sull’onda delle emozioni? Quante volte ci siamo resi conto che una particolare emozione è in grado di metterci in difficoltà?  

Ma che cos’è un’emozione?

Si tratta di un processo interiore che viene innescato da un evento esterno, o da uno stimolo interno, e che assume particolare rilievo per il singolo individuo.

Di fronte ad un evento oggettivo, la reazione emotiva è cosa soggettiva e personale, che dipende sia dalla storia che dal carattere di ogni individuo. Anche la risposta ad un’emozione è soggettiva e personalissima. Tutti gli stati d’animo però causano un cambiamento fisiologico in cui le risposte sono regolate dal sistema nervoso e provocano reazioni ormonali ed elettrocorticali; tali cambiamenti si riflettono sia sulla postura che nella voce.

La nostra vita è scandita dall’alternarsi delle emozioni che vengono stimolate ogni giorno da infiniti stimoli, interni o esterni; gli stati d’animo che ne derivano hanno il potere di modificare il nostro stato fisico.

Ci sono emozioni che ci fanno stare bene come la gioia, l’ilarità o l’euforia, e ci sono invece emozioni fastidiose come l’invidia, la rabbia o il disorientamento.

Se con le emozioni positive ci possiamo sentire quasi in vacanza, quando siamo travolti dalle emozioni che ci procurano malessere, non siamo sereni. Succede poi che, se noi sentiamo il malessere, ma non riusciamo a dare un nome al nostro disagio, quando cioè, qualcosa ci disturba ma non ci è chiaro di che cosa si tratti, il nostro fastidio aumenta.

E la cosa è assolutamente normale. Infatti quando il nostro corpo ci manda un segnale di dolore, noi non ci spaventiamo, se conosciamo la causa di tale dolore, se ne conosciamo il nome, ma se il dolore arriva sconosciuto e nuovo, spesso si accende la paura. Nel mio percorso come coach e come counselor mi sono resa conto che spesso le persone non sanno riconoscere le loro emozioni e si limitano a lasciarsi travolgere da esse.

Nel mio viaggio attraverso i testi della letteratura ho scoperto che non solo le emozioni sono descritte diffusamente, ma che in molti casi si possono trovare delle indicazioni chiare per uscire dal disagio provocato da esse.

In queste pagine vi propongo di conoscere, attraverso i testi letterari, le caratteristiche delle varie emozioni e anche gli “antidoti“, suggerimenti che ci vengono dai grandi della letteratura e che hanno il potere di lenire il disagio provocato da esse.

 

Tags:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.